Consigli per Migliorare la Qualità dell’Ascolto in Studio (con Stefano Pinzi)

Siamo stati all’Accademia del Suono di Milano e abbiamo parlato con Stefano Pinzi, fonico e docente del corso di Audio Engineering, di come possiamo migliorare la qualità del nostro ascolto.

Stefano vanta una grande esperienza ed una approfondita conoscenza nel mondo dell’audio. Quando si tratta di acustica riteniamo che sia davvero importante interagire con persone che siano davvero esperte visto il grado di difficoltà della materia.

Ecco i consigli di Stefano su come migliorare la qualità del nostro ascolto in studio:

1) È importante trattare (almeno in parte) l’ambiente

È importante dedicare attenzione al trattamento acustico, infatti possiamo comprare le più belle casse del mondo ma se poi sono posizionate in modo sbagliato o la nostra stanza non suona bene, anche le casse non suoneranno bene.

L’ambiente della nostra stanza infatti crea delle risonanze che causano 2 problemi: alcuni elementi vengono accentuati e si sentono maggiormente, altri elementi vengono attenuati e perdono intensità.

Il trattamento della stanza è volto a risolvere questi problemi e a cercare di rendere la situazione di ascolto il più lineare possibile.

Il trattamento acustico è un lavoro che richiede delle elevate competenze e, se si vuole fare in maniera davvero professionale, è meglio rivolgersi a professionisti.

È importante distinguere i trattamenti di correzione acustica da quelli di isolamento, sono due cose totalmente diverse.

Con un trattamento di correzione acustica cerchiamo di andare ad attenuare le riflessioni che si verificano nella stanza. In questo tipo di trattamento andremo ad esempio a posizionare pannelli sulla parete dietro alle casse o su quelle laterali per ridurre le riflessioni del suono su di esse.

2) Stabilire nel modo giusto la nostra posizione di lavoro

Consiglio di cercare di posizionare il tavolo di lavoro in maniera simmetrica rispetto alle pareti nella posizione più centrale possibile rispetto alla stanza.

Una posizione più vicina ad una parete rispetto che ad un’altra può comportare delle informazioni ingannevoli riguardo al pan dei suoni dovute a delle asimmetrie nell’ascolto.

Consiglio di cercare di avere una posizione di ascolto corretta rispetto alle casse, restare in una posizione centrale equidistante dalle due casse a formare un triangolo equilatero.

È importante anche che l’altezza delle casse sia in linea con le nostre orecchie e regolare la distanza tra le casse e la parete che sta dietro di esse: consiglio di posizionare le casse più vicine di mezzo metro rispetto alla parete, o più lontane di un metro e mezzo. Nella distanza tra mezzo metro e un metro e mezzo infatti vengono amplificate maggiormente le riflessioni delle basse frequenze e questo può provare notevoli problemi in fase di ascolto.

3) Regolare la posizione del monitor del computer in maniera accurata

Consiglio di evitare di avere il monitor del computer sulla traiettoria che va dalle casse alle nostre orecchie, per evitare che il segnale venga privato di alcune frequenze.

Attenzione al fatto che anche il monitor è una superficie riflettente.

La condizione ideale è di tenere il monitor in mezzo alle due casse un po’ arretrato rispetto a loro.

4) Fare attenzione al volume di ascolto

L’errore in cui si incorre spesso è quello di cambiare, durante la sessione, il volume di ascolto in cui si lavora.

Solitamente si parte con l’intenzione di lavorare con volumi più moderati e, man mano che l’orecchio si stanca si alza sempre un po’ di più il volume.

Facendo questo errore inganniamo la nostra percezione, quando l’orecchio è stanco iniziamo a percepire diversamente gli equilibri tra le diverse bande di frequenza e quindi siamo portati ad alzare il volume.

La soluzione corretta è fermarci anche solo per 15/20 minuti e lasciar riposare le orecchie invece che alzare il volume di ascolto.

Una volta finita la pausa potremo tornare a lavorare mantenendo lo stesso volume di partenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Crea Account / Login

  • Crea Account

    I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.

  • Login