Come Creare il Kick Perfetto ed i 3 Migliori Plugin per Farlo

Come tutti sappiamo, quando si parla di musica Dance, il Kick è uno degli elementi più importanti. Kick e Basso sono infatti quegli elementi che faranno ballare gli ascoltatori quando le nostre tracce saranno riprodotte dai sound system di club e festival.

Avere un Kick e Basso di massima qualità ci permetterà di creare delle tracce che saranno sicuramente suonabili dai dj. Non dimentichiamoci poi che un Kick e Basso che funzionano è uno dei criteri imprescindibili che un a/r di una grande etichetta prende in considerazione prima di rispondere positivamente ad una demo che gli è stata inviata.

Quindi, se vogliamo far ballare le persone, pubblicare su grandi etichette e desideriamo che dj famosi suonino le nostre tracce, dobbiamo assolutamente avere un Kick e Basso che “spaccano”!

Proprio per questo mi sono concentrato per anni per trovare le migliori tecniche di produzione e plugin che mi aiutassero a ricreare il miglior Kick possibile.

Dopo aver sperimentato molto sono arrivato alla conclusione (è solo un mio parere e non una regola) che la tecnica migliore per ottenere un bel Kick sia quella che chiamo Sampling e Reprocessing.

Un Kick è composto da 3 parti: una parte bassa chiamata Sub, una parte media chiamata Mid ed una parte alta chiamata Click.

La tecnica consiste nel fare un’operazione di sampling delle 3 componenti separatamente e da sorgenti diverse, per poi andare ad assemblarle in un unico nuovo Kick che sarà totalmente unico.

Una volta fatto questo primo lavoro di collage sono solito importare il mio Kick in un plugin specifico per la produzione dei Kick, come quelli che vi elencherò tra poco.

Questi plugin presentano infatti tutti i parametri e gli effetti necessari alla creazione e manipolazione di un Kick, rendendo molto più veloce e semplice la lavorazione del sample da me creato.

Ecco i plugin che preferisco per fare questo lavoro:

1) D16 Punchbox

Punchbox è il plugin che uso maggiormente per processare i miei Kick e renderli unici. È infatti possibile importare i propri suoni e lavorare separatamente con 4 diversi layer: Kick, Tools, Top e Click. Gli effetti integrati sono di ottima qualità, in particolare il limiter e il distorsore.

Se vuoi saperne di più su come funziona questo plugin guarda questo video gratuito:

https://tutorialmusicaitalia.it/p/punchbox-come-funziona-tmi-basic-in-studio-con-stiv-hey/

2) Sonic Academy Kick 2

La particolarità di Kick 2 è il suo algoritmo che permette di ottenere un suono unico e molto pulito. Kick 2 ci permette di fare poi un accurato lavoro sul pitch del nostro sample in modo da intonarlo perfettamente con il nostro progetto (operazione molto importante!!). Molto comoda è poi la possibilità di importare i nostri campioni con un semplice Drag & Drop.

3) VPS Metrum

Metrum è stato il primo plugin che ho iniziato ad usare per la creazione dei miei Kick. Il workflow è molto semplice e anche qui sono presenti 3 diversi layer + una sezione Low End. I due filtri applicabili a ciascun layer sono molto interessanti, così come le distorsioni ed il controllo degli inviluppi (che manca nel Puchbox). C’è anche una funzione Randomizer che permette di creare combinazioni casuali che possono rivelarsi sorprendenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Crea Account / Login

  • Crea Account

    I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.

  • Login